Prestiti Inps per lavoratori dipendenti e pensionati statali

Prestiti inps per lavoratori dipendenti e pensionati statali. Fino a qualche tempo fa i finanziamenti per i dipendenti e i pensionati statali erano gestititi dall’Inpdap, successivamente al passaggio di competenze decretato dalla riforma Monti del 2011, meglio nota come Decreto Salva Italia, sono diventati di competenza dell’Inps.

Al fine di rendere comprensibili a tutti le modifiche intercorse al Decreto Salva Italia, vi proponiamo una sintesi dei punti salienti relativi a prestiti e i mutui inps. Con il regolamento vigente da ottobre 2011 sono state inserite alcune novità, di cui le principali sono: l’approvazione del piccolo prestito quadriennale, l’introduzione del prestito prima casa per i figli di dipendenti e pensionati inps, la semplificazione della documentazione necessaria per accedere ai prestiti e mutui inps.

 

Per ottenere un finanziamento Inps è necessario definire il motivo della richiesta, l’importo da richiedere, lo stato di necessità e la durata massima del periodo di rimborso. I prestiti Inps per lavoratori dipendenti possono assumere più forme: piccolo prestito, prestito pluriennale diretto e prestito pluriennale garantito. La durata del finanziamento può spaziare da un minimo di un anno ad un massimo di 10.

Per quanto riguarda l’erogazione dei fondi, i piccoli prestiti e prestiti pluriennali diretti vengono erogati direttamente dall’ente Inps,mentre il prestito pluriennale garantito è invece erogato da banche convenzionate con l’ente previdenziale presso le quali l’istituto garantisce il finanziamento tramite una trattenuta diretta non superiore al quinto dello stipendio.

 

Maggiori informazioni qui: