Simulazione mutui casa: guida alla selezione delle offerte

L’acquisto della casa è un passo essenziale per chiunque. Prima di scegliere l’istituto di credito di riferimento è però fondamentale analizzare diverse soluzione e prendere in considerazione la simulazione mutui casa.

Simulazione mutuo a tasso fisso: informazioni tecniche

Iniziamo a parlare di simulazione mutui casa partendo dalle soluzioni a tasso fisso che, nonostante i recenti cambiamenti legati al Quantitative Easing della BCE, rimangono molto vantaggiose.

Per avere le idee chiare sui mutui migliori in circolazione è necessario fare esempi concreti e chiamare in causa le offerte dei vari istituti di credito.

Ipotizziamo quindi la richiesta di un mutuo di 150.000€ per un immobile che ne vale 220.000. La richiesta di accesso al credito arriva da un impiegato che guadagna 2.220€ al mese e che sceglie un piano di ammortamento della durata di 25 anni.

Tra le opzioni più interessanti sul mercato è possibile citare il mutuo di IWBank che, tenendo conto dei punti di partenza appena elencati, prevedrebbe una rata mensile di 635,78€. Il mutuo in questione è contraddistinto da TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2 e al 2,10%. Il piano di IWBank prevede spese d’istruttoria pari a 600€ e nessun onere di perizia.

Simulazione mutuo a tasso variabile: ecco un esempio concreto

Per proseguire in questa guida dedicata alla simulazione mutui casa entriamo nel vivo delle soluzioni migliori a tasso variabile. Ovviamente facciamo un altro esempio concreto partendo dalle ipotesi iniziali sopra specificate.

 

In questo caso tra i mutui migliori sul mercato è possibile citare la soluzione di BancaDinamica, che prevedrebbe un impegno economico mensile pari a 567,48€.

Il mutuo a tasso variabile in questione si contraddistingue per un tasso calcolato sulla base del parametro Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread dell’1,36%. Il TAEG, invece, corrisponde all’1,12%.

Simulazione del mutuo con Inps: ecco come effettuarla

Un altro aspetto che merita di essere ricordato quando si discute di simulazione mutui casa è l’offerta Inps ex Inpdap.

In questo caso si parla di piani ipotecari che consentono di accedere al credito per acquistare casa, per ristrutturare un immobile già esistente e per costruire un box o un posto auto, da considerare come pertinenza dell’abitazione principale.

Mutuo Inps ex Inpdap: chi può richiederlo e quali sono i limiti

Proseguiamo la simulazione mutui casa Inps ex Inpdap ricordando che i beneficiari principali di questa soluzione sono gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, sia lavoratori sia pensionati.

Per l’acquisto della prima casa per l’iscritto o un suo familiare stretto è possibile accedere a una somma massima di 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 destinati ai pacchetti assicurativi facoltativi. Il cliente può scegliere tra un tasso fisso pari al 2,95% e un tasso variabile che, invece, è calcolato sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base.

 

Maggiori informazioni qui: