Quando è prevista la graduatoria mutui Inps Inpdap e come viene redatta

Come funziona la graduatoria mutui Inpdap è quando viene redatta

I mutui Inps ex Inpdap sono finanziamenti a tasso di interesse agevolato erogati dalla Gestione ex Inpdap dell’Inps in favore di dipendenti e pensionati pubblici. Prodotti che fino al 2012 facevano capo all’Inpdap, ma con la soppressione dell’ente sono passati di competenza dell’Inps. La concessione avviene in modo diretto o tramite una graduatoria mutui Inps Inpdap.

Il capitale stanziato dall’Inps per la concessione dei mutui viene ripartito tra le varie direzioni regionali dell’ente quadrimestralmente. Per ogni quadrimestre sono stanziati dei fondi che saranno utilizzati per la concessione dei mutui richiesti entro una specifica finestra temporale.

Le modalità di richiesta dei mutui rispecchiano infatti le condizioni per lo stanziamento dei fondi. Nello specifico, la richiesta deve essere trasmessa:

  • dall'1 al 10 gennaio (primo quadrimestre)
  • da 1 a 10 maggio (secondo quadrimestre)
  • dall'1 al 10 settembre (terzo quadrimestre)

Se una volta raccolte tutte le richieste di mutui, le risorse stanziate non sono sufficienti, viene redatta una graduatoria mutui Inps Inpdap. La graduatoria prevede l’assegnazione dei mutui per merito e viene redatta dall’ufficio Inps competente per territorio.

Criteri per la graduatoria mutui ipotecari Inpdap 2018

Ora che abbiamo visto quando viene redatta la graduatoria mutui Inps Inpdap, passiamo ai criteri adottati. I punteggi della graduatoria di merito sono stabiliti tenendo conto di due fattori: composizione del nucleo familiare del richiedente e reddito dello stesso.

 

Per la composizione del nucleo familiaresono assegnati:

  • 5 punti per ciascun membro del nucleo familiare;
  • 8 punti per ciascun membro portatore di handicap grave;
  • 3 punti se il richiedente è sposato da meno di 3 anni, al primo giorno del quadrimestre di riferimento.

Per quanto riguarda il reddito familiare imponibile, vengono assegnati:

  • 30 punti se il richiedente ha un reddito fino a 25 mila euro;
  • 24 punti se il reddito è compreso tra 25.000,01 euro e 35 mila euro;
  • 18 punti per chi ha un reddito reddito tra 35.000,01 euro e 45 mila euro;
  • 12 punti se il reddito è compreso tra 45.000,01 euro e 55 mila euro;
  • 6 punti ai soggetti con un reddito tra 55.000,01 euro e 65 mila euro;
  • 0 puntise il richiedente ha un reddito superiore a 65 mila euro.

Se due richiedenti ottengono lo stesso punteggio, ha la priorità il soggetto iscritto da più tempo al fondo credito dell’Inps, la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Nel caso in cui la parità persista, viene data la priorità a chi presenta la domanda per primo.

È tuttavia necessario ricordare che l’Inps può concedere un mutuo anche senza tener conto della graduatoria mutui Inps Inpdap. Ipotesi prevista solo a condizione che il richiedente si trovi in una situazione di particolare difficoltà derivante da situazioni imprevedibili, dipendenti da calamità naturali, che hanno portato all’inagibilità della casa di residenza.

Domanda mutuo Inpdap online

Ma come trasmettere la richiesta di mutuo? La domanda di mutuo Inps ex Inpdap deve essere inviata online, utilizzando i servizi messi a disposizione dall’Inps.

Per la trasmissione della domanda è necessario accedere alla procedura guidata per la richiesta mutuo Inps. Una volta collegati con il sito Inps è necessario accedere alla sezione Tutti i servizi e successivamente filtrare i risultati inserendo nel campo testo libero la parola mutui. Il servizio da utilizzare è Domande Mutui Ipotecari Edilizi.

 

Maggiori informazioni qui: