Inps mutui dipendenti pubblici: ecco quali sono e come richiederli

I mutui per l’acquisto della prima casa costituiscono un investimento di grande importanza, che deve essere effettuato facendo attenzione a tutte le specifiche tecniche. A seconda del tipo di lavoro del richiedente è possibile scegliere particolari tipologie di piano, come per esempio Inps mutui dipendenti pubblici.

Inps mutui dipendenti statali: tutto sui piani ipotecari

Parlare di Inps mutui dipendenti pubblici vuol dire chiamare in causa in primo luogo i mutui ipotecari Inps ex Inpdap. Cosa prevedono? La possibilità di richiedere un finanziamento finalizzato all’acquisto della prima casa, alla ristrutturazione di un immobile già esistente, alla costruzione di un box o di un posto auto da considerare come pertinenza dell’abitazione principale.

Le finalità e i limiti

Inps mutui dipendenti pubblici, per quanto riguarda i piani ipotecari, prevede diverse finalità (a ciascuna corrisponde un determinato limite di finanziamento). Ecco le regole in merito:

  • Mutuo finalizzato all’acquisto della prima casa per l’iscritto o per un suo familiare stretto: limite finanziabile pari a 300.000€, integrabili con altri 6.000 per le spese assicurative non obbligatorie.
  • Mutuo finalizzato alla ristrutturazione di un’unità immobiliare già esistente: limite massimo finanziabile pari a 150.000€ e, in ogni caso, mai superiore al 40% del valore dell’immobile.
  • Mutuo finalizzato alla costruzione di un box o di un posto auto: limite finanziabile pari a 75.000€.

Informazioni sul tasso

Gli iscritti alla Gestione intenzionati ad accedere a Inps mutui dipendenti pubblici possono scegliere tra piani a tasso fisso e piani a tasso variabile.

 

Nel primo caso il tasso d’interesse è pari al 2,95% - valore modificato lo scorso 1° luglio - mentre quello variabile è da ricavare sulla base dell’Euribor 6 mesi, maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni.

Come presentare la domanda

Dopo aver fornito tutte le informazioni su Inps mutui dipendenti pubblici ipotecari è utile chiarire le idee sulle modalità di presentazione della domanda. L’istanza per l’accesso ai mutui Inps ex Inpdap deve essere presentata esclusivamente per via telematizzata, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta, pena l’esclusione anche se risulta palese il possesso dei requisiti.

Le domande per l’accesso ai mutui ipotecari Inps ex Inpdap devono essere inviate complete dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno solare.

La completezza della documentazione e il possesso dei requisiti sono i criteri base per l’analisi e l’accoglimento della domanda. Tutte le istanze presentate in modo corretto vengono accolte sulla base della disponibilità finanziaria della Direzione Regionale competente.

In caso di penuria di fondi si procede alla redazione di una graduatoria, considerando come criteri primari la composizione del nucleo familiare e il reddito annuo del richiedente principale.

 

Maggiori informazioni qui: