Ecco come ottenere prestiti in 48 ore nel 2020

Prestiti personali in 48 ore: cosa sono e come funzionano

Sono molti gli italiani che per far fronte a spese improvvise si trovano a doversi rivolgere a banche e società finanziarie per ottenere un prestito. Una situazione spiacevole, ma fortunatamente diventa più gestibile grazie ai prestiti in 48 ore.

Si tratta di finanziamenti che, come si evince facilmente dal nome, sono concessi in tempi brevissimi. Generalmente la concessione avviene online. Il richiedente invia telematicamente tutti i documenti necessari per l’istruttoria, che dopo un’analisi accorda (se il richiedente dispone di garanzie sufficienti) la concessione del credito. L’erogazione avviene generalmente tramite bonifico.

Naturalmente, perché il finanziamento possa essere accordato tanto velocemente, la somma in questione deve essere piuttosto bassa. Generalmente infatti i prestiti veloci non superano i 10-15 mila euro di importo.

Il prestito in 48 ore di Agos: fino a 30 mila euro con richiesta online

 

Agos è uno degli istituti di credito che erogano prestiti in 48 ore. La sua offerta risulta un’eccezione nel mercato dei prestiti veloci. A differenza della maggior parte delle banche, Agos eroga fino a 30 mila euro in tempi brevissimi.

La richiesta viene trasmessa telematicamente. Basta sfruttare l’apposito form online, inserendo tutti i dettagli del prestito richiesto e i dati personali. La domanda viene valutata in poche ore, dopodiché la banca invia il responso.

In quanto alle condizioni di rimborso, chi è alla ricerca di un finanziamento può farsi un’ida chiara dell’impegno finanziario cui va incontro sfruttando il calcolatore presente sul sito ufficiale di Agos.

Per fare un esempio, a fronte di un prestito da 10 mila euro con rimborso in 84 mesi è prevista una rata mensile da 145 euro. Il tasso di interesse (Tan) applicato è del 5,78%, mentre il Taeg ammonta al 6,46%. Allungano invece il piano di ammortamento fino a 108 mesi, la rata mensile da corrispondere è di 118,94 euro. Il Tan rimane costante al 5,78% e il Taeg scende al 6,43%.

 

Maggiori informazioni qui: