Guida all’assicurazione prestito Inpdap contro il rischio vita

Come funziona la copertura dei prestiti Inps ex Inpdap

Quando si sottoscrive un finanziamento è sempre necessario tenere in considerazione i rischi associati all’operazione. E uno dei maggiori è senza dubbio rappresentato dalla morte del debitore prima della completa estinzione del debito. Situazione che può esporre a rischi gli eventuali eredi, tuttavia vi sono alcune forme di prestito che mettono al riparo da tali rischi, non ultima la assicurazione prestito Inpdap prevista dall’Inps.

Si tratta di un prodotto molto diverso dai prestiti tradizionali, che prevedono la possibilità di garantirsi dai rischi solo a fronte della sottoscrizione di una vera e propria polizza assicurativa. I prestiti Inpdap infatti sono prodotti erogati direttamente dall’Inps e che prevedono una copertura offerta direttamente dall’ente previdenziale.

La assicurazione prestito Inpdap non è quindi una tradizionale polizza assicurativa sottoscritta con una compagnia assicurativa, bensì una copertura applicata dall’Inps. L’ente previdenziale interviene sia contro il rischio vita che contro il rischio impiego, seppur quest’ultimo sia pressoché inesistente dato che si parla di prestiti dedicati a dipendenti e pensionati pubblici.

Garanzia e regolamento prestiti Inpdap 2018

 

Ma come funziona la copertura fornita dall’Inps ex Inpdap? per comprendere il funzionamento della garanzia è necessario fare una precisazione in merito all’offerta Inps ex Inpdap. Finanziamenti che si dividono in due categorie di prodotti: prestiti diretti e prestiti garantiti.

I prestiti diretti sono erogati direttamente dall’Inps e prevedono il pagamento di un premio per il Fondo Rischi Inps al momento della sottoscrizione del contratto. Il valore di tale premio viene definito in sede di domanda, in base alla durata del finanziamento e all’età del richiedente. Il pagamento del premio è indispensabile ai fini della concessione del prestito.

In caso di prestiti garantiti invece la garanzia viene offerta dall’Inps a fronte del pagamento di un premio compensativo all’Istituto. Il valore del premio è pari all'1,5% per i prestiti quinquennali, mentre sale al 3% per quelli decennali. Nel caso in cui gli oneri relativi alla garanzia non siano corrisposti entro 60 giorni dal rilascio dalla stessa, la garanzia verrà sospesa.

 

Maggiori informazioni qui: