Scopri l’offerta cessione del quinto Poste Italiane di giugno 2018

Poste Italiane cessione del quinto in promozione a giugno 2018

Poste Italiane da tempo attiva nel settore dei prestiti ha messo a punto diversi prodotti dedicati a quanti sono alla ricerca di un finanziamento. Tra questi ricordiamo Quinto Bancoposta, prestito su cessione del quinto accessibile a dipendenti e pensionati. Prodotto che al momento è oggetto della promozione cessione del quinto Poste attiva fino al 30 giugno 2018.

Ma a chi si rivolge il prestito? Quinto Bancoposta è un finanziamento riservato ai dipendenti pubblici e statali e ai pensionati afferenti all’Inps. Sono quindi esclusi dalla platea dei beneficiari i lavoratori assunti nel settore privato.

Grazie alla promozione in corso quanti richiederanno un prestito su cessione del quinto poste potranno beneficiare di condizioni vantaggiose. Per i pensionati è prevista la possibilità di ottenere il finanziamento anche se non sono titolari di conto corrente e non sono applicate spese aggiuntive. Le rate partono da un importo minimo di 50 euro.

 

I dipendenti pubblici che richiedono il prestito in promozione avranno le stesse condizioni agevolate di cui sopra, a cui si aggiunge la possibilità di ottenere anche un prestito con delegazione di pagamento. Opzione rivolta ai dipendenti statali, agli appartenenti delle Forze Armate e ai Carabinieri.

Condizioni della cessione Quinto Bancoposta

Ora che abbiamo visto le condizioni promozionali della cessione del quinto Poste Italiane, diamo uno sguardo alle condizioni generali.Quinto Bancoposta è un prestito su cessione del quinto e come tale prevede una rata mensile massima a un quinto (20%) di busta paga o pensione netta percepita dal beneficiario.

La somma massima finanziabile è fissata a 75 mila euro da rimborsare con un piano di ammortamento che si estende per un periodo massimo di 120 mesi (minimo 36).

Per quanto attiene alle spese per la polizza assicurativa, sono a carico di Poste Italiane. Ricordiamo che la polizza interviene contro il rischio vita e il rischio impiego.

 

Maggiori informazioni qui: