Prestito Inps per prepensionamento, la riforma pensioni 2014

Prestito Inps per prepensionamento, cosa prevede la riforma pensioni 2014? Non sembra calmarsi il dibattito sulla riforma pensioni 2014 e sul prestito Inps per prepensionamento. La presentazione del Job Act del nuovo Governo Renzi ha chiarito come il tema pensioni non sia al centro del programma redatto dall’ex sindaco fiorentino. I punti caldi in tema di riforma pensioni 2014 sono molti a partire dal caso delle pensioni anticipate negate a chi ha usufruito dei permessi disciplinati dalla legge 104 fino alle vertenze di esodati e Quota 96.

 

Il prepensionamento per i lavoratori che hanno sfruttato le legge 104 costituisce uno dei nodi da sciogliere della riforma pensioni 2014, poiché l’emendamento alla Stabilità 2014 aveva predisposto l’equiparazione dei permessi regolamentati alla stessa legge 104 a comuni periodi di lavoro, attribuendo a tali periodi validità ai fini contributivi. Tuttavia il testo contiene un errore tecnico nella citazione dell’art 33 della legge 104 che potrebbe mettere a serio rischio il diritto di migliaia di lavoratori alla pensione anticipata.

Il Job Act sembra aver dimenticato i tanti temi connessi alla riforma pensioni, messaggio che fa chiaramente comprendere come il governo intenda intervenire in tema di previdenza. L’ipotesi più plausibile è che non si intenda modificare la legge Fornero, bensì mirare alla predisposizione di strumenti da doversi adottare in modo volontario dai lavoratori. Primo tra tutti il tanto discusso prestito Inps per prepensionamento proposto dall’ormai ex Ministro del lavoro Giovannini, che ipotizzava un prestito di durata biennale a beneficio dei lavoratori che intendessero avvalersi della pensione anticipata.

 

Maggiori informazioni qui: