Guida Regolamento Prestiti Inpdap 2018: tassi e condizioni di rimborso

Regolamento prestiti Inps Inpdap 2018

Il Regolamento Prestiti Inpdap 2018 è il regolamento interno dell’Inps che stabilisce le condizioni di erogazione e rimborso dei prestiti ex Inpdap. Finanziamenti che sono concessi dall’ente previdenziale tramite un apposito Fondo Credito, la Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali.

Il Regolamento Prestiti Inpdap 2018 può essere consultato sul sito ufficiale dell’ente previdenziale (inps.it). Ricordiamo che sebbene l’Inpdap sia stato soppresso nel 2012, si continua a parlare di finanziamenti Inpdap poiché le condizioni sono rimaste invariate dal 2011.

Fatta questa premessa, cerchiamo di riassumere cosa stabilisce il Regolamento Prestiti Inpdap.

Condizioni dell’offerta prestito Inpdap

I prestiti Inps ex Inpdap si dividono in due categorie di prodotti: piccoli prestiti e prestiti pluriennali. i primi consentono di ottenere somme fino a un massimo di otto mensilità di stipendio o pensione percepite dal richiedente.

Il rimborso avviene con un piano di ammortamento a rate mensili che può durare 12, 24, 36 o 48 mesi. Il tasso di interesse è fisso al 4,25%. Sull’importo lordo del finanziamento si applica anche un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione.

I prestiti pluriennali invece sono prodotti creditizi consessi solo per far fronte a specifiche necessità familiari o personali. Ai fini dell’accesso al credito è infatti necessario che la finalità del prestito rientri tra le casistiche contemplate dal Regolamento.

 

Il rimborso avviene in 5 o 10 anni con un piano di ammortamento a rate mensili. Il tasso di interesse è fisso al 3,5%. Come per i piccoli prestiti è previsto il pagamento delle spese di amministrazione, pari allo 0,5%.

Il Regolamento Prestiti Inpdap 2018 stabilisce inoltre le modalità di richiesta dei prestiti ex Inpdap. La domanda di finanziamento deve essere trasmessa, sia per i piccoli prestiti che per quelli pluriennali, per via telematizzata utilizzando gli appositi moduli di domanda, forniti dall’Inps. I modelli possono essere scaricati direttamente dal portale dell’Inps.

Requisiti prestiti pluriennali e piccoli prestiti Inpdap

Chi può ottenere i prestiti Inps ex Inpdap? I finanziamenti agevolati si rivolgono sia ai dipendenti che ai pensionati pubblici. Ai fini dell’accesso al credito è indispensabile essere iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali dell’Inps.

Per ottenere i piccoli prestiti non è necessario essere in possesso di nessun altro requisito. I prestiti pluriennali invece sono accessibili solo a quanti possono contare su almeno quattro anni di anzianità di servizio utile ai fini della pensione. Richiesto anche un versamento contributivo presso la Gestione Unitaria non inferiore a quattro anni.

Per i lavoratori dipendenti è necessario anche essere titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Tuttavia vi è la possibilità di ottenere un prestito pluriennale anche per i lavoratori pubblici assunti con contratto a tempo determinato.

In tal caso però è necessario essere titolari di un contratto di durata pari ad almeno tre anni. Il finanziamento deve però risultare estinguibile nell’arco di vigenza del contratto di lavoro. Per il beneficiario è previsto l’obbligo di cedere il TFR a garanzia della rimborso del prestito.

 

Maggiori informazioni qui: