Prestito Inpdap in doppia mensilità

Cos’è il piccolo prestito Inpdap in doppia mensilità?

Dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali possono accedere ai piccoli prestiti Inpdap per conseguire contenute somme di denaro. Cifre che permettono di far fronte a improvvise necessità economiche. I piccoli prestiti possono avere durata variabile da uno a quattro anni, mentre l‘importo massimo finanziabile viene definito in base al reddito percepito dal richiedente.

Per ogni anno di durata del finanziamento è possibile ottenere una somma pari a una mensilità media percepita dal beneficiario. Nel caso in cui l’iscritto non abbia in corso altri finanziamento, questi può ottenne un prestito Inpdap in doppia mensilità. Il prestito Inpdap in doppia mensilità è una variante del piccolo prestito, che permette, come lascia suggerire il nome stesso, di ottenere per ogni anno di durata del finanziamento un importo pari a due mensilità medie percepite.

Prestito Inpdap in doppia mensilità: come richiederlo?

 

Come richiedere un prestito Inpdap in doppia mensilità? I dipendenti Inpdap in attività di servizio possono presentare domanda di finanziamento, redatta nell’apposito modello fornito dall’Inpdap, presso l’Amministrazione di appartenenza. I pensionati, invece, possono presentare la richiesta di prestito Inpdap in doppia mensilità esclusivamente per via telematizzata. In entrambi i casi non è necessario presentare alcuna documentazione di spesa, né giustificare la richiesta.

Ricordiamo infine che sull’importo lordo del prestito vengono applicati un TAN del 4,25%, un’aliquota per spese di amministrazione pari al 0,50% e una dello 0,3% per il fondo rischi.

 

Maggiori informazioni qui: