Scegli il prestito Inps dipendenti pubblici acquisto auto a tasso agevolato

Prestiti Inpdap per acquisto auto, a chi si rivolgono e come funzionano

I prestiti Inps ex Inpdap sono finanziamenti a tasso di interesse agevolati erogati direttamente dall’ente previdenziale. Linee di credito che danno accesso a somme anche elevate, con le quali affrontare spese importanti. Tra i vari prodotti che fanno parte dell’offerta Inps ex Inpdap ricordiamo il prestito Inps dipendenti pubblici acquisto auto.

Stiamo parlando di prestiti concessi direttamente dall’Inps per affrontare spese particolari. Nello specifico, il prestito Inps dipendenti pubblici acquisto auto fa riferimento alla categoria dei prestiti pluriennali Inps ex Inpdap.

Prodotti che sono concessi dall’Inps in favore di dipendenti e pensionati pubblici che si trovano ad affrontare spese importanti. Ai fini dell’accesso al credito è necessario che il richiedente sia iscritto ad un apposito Fondo credito: la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Non solo. La ragione per cui si richiede il prestito deve essere una di quelle contemplate dall’Inps. A tal proposito si fa riferimento al Regolamento Prestiti Inps. Tra le finalità ammesse troviamo appunto, l’acquisto di un’auto.

 

Vettura che dovrà obbligatoriamente essere destinata al soggetto che richiede il finanziamento. L’automobile oggetto del prestito deve inoltre essere l’unica di proprietà del soggetto.

Importi, domanda e tasso 2018

Ma quali sono le condizioni applicate al prestito Inps dipendenti pubblici acquisto auto? La somma massima finanziabile è fissata a 20 mila euro, denaro da rimborsare con un piano di ammortamento che si estende per 5 anni.

Il tasso di interesse è fisso al 3,5%. Sull’importo lordo del finanziamento si applica poi un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento di un premio per il Fondo Rischi Inps. Il valore del premio viene definito con l’applicazione di un’aliquota, definita in base alla durata del prestito e all’età del richiedente.

La domanda di prestito va trasmessa per via telematizzata. I dipendenti pubblici inviano la domanda per il tramite dell’amministrazione di appartenenza. Per i pensionati invece sono disponibili due canali, possono inviare la domanda autonomamente oppure rivolgersi al Contact Center dell’Inps.

 

Maggiori informazioni qui: